Archivio per il January, 2006

TORINO 2006: LE DISCIPLINE: IL PATTINAGGIO DI FIGURA

Tuesday, January 31st, 2006

(AGI/DS) Milano, 31 gen. - Il pattinaggio di figura, o artistico, partecipa alle Olimpiadi fin dal 1908, nella quarta edizione estiva dei Giochi.
La storia. Il Pattinaggio di figura fu di scena anche ad Anversa 1920. Le tre prove di artistico fanno parte del programma olimpico invernale sin dalla I Olimpiade Invernale del 1924 a Chamonix, mentre la danza su ghiaccio venne aggiunta ai Giochi di Innsbruck 1976. La principale distinzione tra le discipline di artistico e di danza, infatti, e’ una questione storica. Nel XVII secolo si ebbe una prima distinzione tra il pattinaggio di velocita’ e quello di figura, con la nascita del primo Skating club a Edimburgo, in Scozia (1647). Nel 1863 a Vienna un maestro di ballo, Jackson Haines, fondo’ una scuola di pattinaggio che diede il via alla disciplina moderna. Nel 1896 si svolse il primo Mondiale di specialita’, riservato a soli uomini, a San Pietroburgo. Nel 1908 ci fu appunto l’ammissione ai Giochi Olimpici (oro allo svedese Ulrich Salchow, inventore di uno dei salti che ancora oggi rendono spettacolare lo sport), e il primo mondiale riservato anche alle donne e alle coppie d’artistico. La danza su ghiaccio, riservata alle coppie, e’ specialita’ mondiale solo dal 1952, e olimpica dai Giochi di Innsbruck 1976 dopo aver fatto da disciplina dimostrativa a Grenoble 1968.
Il pattinaggio artistico, sia nell’individuale che a coppie, si svolge nell’arco di due prove: il programma originale, della durata di 2′40′ con otto movimenti obbligatori collegati da passi, e il pattinaggio libero, della durata di 4′ per le donne e le coppie e di 4′30′ per gli uomini. I ’singolaristi’ eseguono salti, combinate di salti, trottole e spirali, le coppie eseguono movimenti simmetrici o in parallelo con salti sia separati che lanciati, trottole all’unisono o in figura unica, sollevamenti acrobatici. La danza, che e’ esclusivamente a coppie, prevede passi piu’ codificati ed esclude salti e sollevamenti oltre la linea delle spalle. E’ una disciplina piu’ regolamentata che si basa su due danze obbligatorie, secondo una sequenza di passi prestabiliti; una danza a schema originale con ritmo obbligatorio, in qui la coppia sceglie la musica ma ritmo e battute al minuto sono fissate dalla International skating union, e una danza libera, della durata di 4′.
I punteggi: fino a due stagioni fa agli atleti venivano assegnati, dopo ogni prova, due ‘voti’, uno per il merito tecnico e uno per quello artistico, che andavano dallo 0 al 6.0, a seconda dei parametri fissati dai giudici a bordo pista. Ogni giudice stilava una propria classifica, e alla fine era proprio la media delle posizioni ottenute in graduatoria ad attribuire agli atleti o alle coppie un ranking. Il sistema pero’ e’ stato ampiamente contestato in piu’ occasioni, ed e’ stato modificato con una piu’ complessa valutazione per parametri di ogni elemento eseguito dall’atleta. Uno specialista tecnico valuta in tempo reale il livello di difficolta’ di ogni elemento, coadiuvato da un assistente e da un controllore che possono rettificarne eventuali errori. Gli altri nove giudici possono cosi’ valutare liberamente la qualita’ d’esecuzione di ogni elemento e delle cinque componenti del programma attribuendo un punteggio a ciascuna, senza creare un paragone diretto tra gli atleti. I punteggi vengono poi sommati per attribuire il ranking. Il punteggio piu’ alto e quello piu’ basso vengono scartati di default. Ogni elemento tecnico riceve una valutazione dal -3 al +3 che viene algebricamente sommata al valore attribuito all’elemento dallo specialista tecnico. La somma di tutti gli elementi costituisce il Total Element Score. Ai componenti del programma viene invece assegnato un punteggio che va da 0 a 10 con incrementi di quarto di punto. Le componenti sono: abilita’, transizioni, performance/esecuzione, coreografia e interpretazione. Il risultato finale di ogni atleta e’ la somma dei risultati ottenuti nelle due, o quattro, prove. Il punteggio piu’ alto vince e, in caso di parita’, prevale chi ha ottenuto il risultato migliore nell’ultima prova (il programma libero).

Red/Tri

TORINO 2006: CERIMONIA ALZABANDIERA DOMANI NELLE SCUOLE

Monday, January 30th, 2006

(AGI) - Torino, 30 gen. - Cerimonia dell’alzabandiera olimpica e paralimpica domani nelle scuole di tutta Italia con particolare rilievo, in contemporanea, a Roma e Torino.
Nel capoluogo piemontese le due bandiere fornite dal Toroc verranno inalzate nell’istituto torinese “Carlo Grassi” che rappresentera’ tutte le scuole della regione. Con la Cerimonia, alla presenza tra gli altri del sottosegretario all’istruzione, senatore Maria Grazia Siliquini, del presidente del Toroc, Valentino Castellani e dell’assessore regionale al turismo, Giuliana Manica, si intende a manifestare la vicinanza agli atleti che arriveranno da tutto il mondo per partecipare alle Olimpiadi e Paralimpiadi invernali di Torino.
Analoga cerimonia e’ in programma a Roma, all’idroscalo di Ostia, con la partecipazione del sottosegretario ai beni culturali e supervisore ai Giochi, Mario Pescante e il presidente del comitato paralimpico italiano, Luca Pancalli.(AGI)
Vai

BASKET: ROSETO, PRESIDENTE E CDA SI DIMETTONO

Monday, January 30th, 2006

(AGI/DS) - Roseto (TE), 30 gen. - L’assemblea dei soci del Roseto Basket ha deciso: si sono dimessi il presidente Alcini e tutto il CdA. Si e’ tenuta stamani, presso lo studio del Notaio De Galitiis, l’annunciata assemblea straordinaria del club per discutere sulle decisioni da assumere in merito alla situazione societaria. Le dimissioni dell’intera dirigenza sono il risultato piu’ eclatante, cui fa seguito la decisione di affidare temporaneamente la societa’ al sindaco di Roseto, Franco Di Bonaventura, ‘ritenuto, in questo momento, il solo in grado di attivarsi efficacemente per il reperimento di tutte le risorse necessarie a garantire la conclusione del campionato, essendo la maggior parte degli introiti annunciati e tuttora da incassare di natura pubblica’, come recita la nota diffusa dalla dirigenza abruzzese.
Sembra pero’ evitata la messa in liquidazione del Roseto Basket, ‘per tentare cosi’ di battere tutte le strade possibili per ultimare il campionato in corso e programmare la prossima stagione’. La situazione evidentemente non e’ florida. La squadra guidata da Attilio Caja (e prima da coach Martelossi) e’ attualmente quindicesima in classifica con 5 vittorie dopo 18 giornate di campionato. Ma e’ il lato economico a non quadrare proprio, anche se nella riunione di stamani sono stati confermati i fondi per arrivare almeno a fine anno. (AGI)
Zec

ASTI RUGBY DEBUTTA SU “LA7 SPORT”

Monday, January 30th, 2006

(AGI) - Asti, 30 gen. - L’Asti Rugby fara’ il suo debutto televisivo con un lungo servizio su “La7 Sport”, canale monotematico in onda sul digitale terrestre. Marco Bollesan, uomo immagine della nazionale, e’ stato ad Asti lo scorso giovedi’ per intervistare il presidente del sodalizio, Enzo Carafa, l’assessore comunale allo Sport Beppe Passarino e i vertici della Cassa di Risparmio di Asti, a partire dal presidente Pia. Le loro risposte, insieme ad immagini degli allenamenti e della trasferta gallese dell Asti Rugby nel 2004, andranno in onda in data da definire all’interno di “Spazio Rugby”, il magazine che La7 dedica alla palla ovale. (AGI)
Cli/Rst/Lor

BASKET: ROSETO, DI BONAVENTURA NUOVO AMMINISTRATORE SOCIETA’

Monday, January 30th, 2006

(AGI) - Roseto (Teramo), 30 gen. - Si e’ tenuta stamattina, presso lo studio del Notaio De Galitiis, l’annunciata assemblea straordinaria del Roseto Basket s.r.l. per discutere sulle decisioni da assumere in merito alla situazione societaria.
Nel corso della riunione sono stati sottolineati i numerosi incontri avuti, anche negli ultimi giorni, dal Presidente Alcini e dagli altri amministratori con vari rappresentanti di Regione, Provincia e Comune in cui sono stati promessi contributi da parte dei vari Enti che dovrebbero essere concessi nei prossimi mesi, contributi ammontanti a circa 800/900 mila euro, quindi sufficienti per concludere l’attuale stagione.
Nel corso dell’assemblea e’ stata inoltre ribadita l’esistenza di contatti, peraltro non concludenti, circa l’ingresso di altri soci, i quali si starebbero organizzando in una cordata di imprenditori locali interessati a rilevare le quote della Societa’. Anche in considerazione di questa eventualita’, i soci attuali hanno confermato la loro totale ed unanime disponibilita’ a cedere gratuitamente tutte le quote sociali a chiunque abbia interesse a rilevare il Roseto Basket per garantire un futuro alla pallacanestro rosetana.
Per queste considerazioni l’Assemblea ha unanimemente deliberato di scongiurare la decisione di porre in liquidazione la Societa’ per tentare cosi’ di battere tutte le strade possibili per ultimare il campionato in corso e programmare la prossima stagione. Inoltre nel corso dell’assemblea si e’ preso atto delle dimissioni del Presidente Alcini e dell’intero Consiglio di Amministrazione, un atto teso a sottolineare ancora una volta, in modo inequivocabile, l’intenzione di lasciare tutto lo spazio necessario per interventi diretti e concreti da parte di coloro che hanno a cuore le sorti della pallacanestro a Roseto ed intendessero rilevare la Societa’.
Infine l’assemblea ha deliberato, sempre all’unanimita’, anche per garantire la massima trasparenza in un momento cosi delicato, di nominare amministratore unico della societa’ il Sindaco Franco Di Bonaventura ritenuto, in questo momento, il solo in grado di attivarsi efficacemente per il reperimento di tutte le risorse necessarie a garantire la conclusione del campionato, essendo la maggior parte degli introiti annunciati e tuttora da incassare di natura pubblica. (AGI)
Com/Plt

TORINO 2006: DOPING, SOSPESO PER DUE MESI DM STORACE

Monday, January 30th, 2006

(AGI) - Caselle (Torino), 30 gen. - Sospeso per due mesi il decreto ministeriale Storace che consentiva alla Commissione di vigilanza di applicare i controlli secondo la legge italiana. E’ quanto ha fatto sapere il sottosegretario allo Sport, e supervisore delle Olimpiadi invernali, Mario Pescante, parlando con i giornalisti a margine dell’inaugurazione del nuovo aeroporto torinese di Caselle. La sospensione abbraccia tutto il periodo delle Olimpiadi e delle paralimpiadi invernali. “Questa decisione da un lato consente che la legge italiana venga rispettata - ha spiegato Pescante - dall’altro conferma che verra’ applicato il codice Wada sull’elenco delle sostanze vietate e permesse secondo quanto fissato dal Cio”. L’intesa era gia’ stata discussa in un incontro avvenuto a Roma diversi giorni fa, ma e’ stata ufficializzata solo nelle ultime ore “perche’ si voleva conoscere il parere del presidente del Cio, Rogge - ha aggiunto Pescante - ne ho parlato e c’e’ gia’ il suo assenso”. Pescante ha ringraziato il ministro Francesco Storace e anche l’impegno di Gianni Letta per “arrivare alla soluzione di un problema da tempo in discussione”. (AGI)
Vai/Zer

SVASTICHE OLIMPICO: PINESCHI, NON ABBASSARE LA GUARDIA

Monday, January 30th, 2006

(AGI) - Roma, 30 gen. - “Piena solidarieta’ alla comunita’ ebraica per la nuova, vergognosa e intollerabile esibizione di ieri allo stadio Olimpico di striscioni e simboli antisemiti e inneggianti al nazifascismo”. E’ quanto ha espresso il Presidente del Consiglio regionale del Lazio Massimo Pineschi in un messaggio inviato al Rabbino Capo di Roma Riccardo Di Segni e al Presidente della Comunita’ ebraica di Roma Leone Paserman. “E’ un comportamento tanto piu’ provocatorio - ha aggiunto Pineschi - perche’ accade proprio nel momento in cui la nostra memoria commossa va alle vittime del nazifascismo. L’episodio, oltre a offendere la coscienza di tutti i cittadini, romani e italiani, ripropone, con forza, l’assoluta necessita’ di non abbassare la guardia contro coloro che vorrebbero creare, usando anche lo sport, un nuovo clima d’odio e di violenza con evidenti finalita’ politiche”. (AGI)
Red/Dos

FROSINONE: MUORE A SEDICI ANNI MENTRE VEDE PARTITA PALLAVOLO

Sunday, January 29th, 2006

(AGI) - Castelliri (Fr), 29 gen. - Stava vedendo una partita di pallavolo amatoriale, che si stava dispuntando nel palazzetto dello sport del paese, quando, all’improvviso, ha detto di sentirsi male. Si e’ accasciato. Soccorso da alcuni amici e da un medico presente sul posto e’ stato caricato in ambulanza e trasportato verso l’ospedale di Sora. Durante il tragitto, pero’, e’ morto. Inutili i tanti tentativi di rianimarlo. Questo il tragico epilogo di una domenica pomeriggio per un ragazzo di 16 anni di Castelliri, in provincia di Frosinone. Sulla vicenda stanno ora indagando gli agenti del commissariato di Sora agli ordini del dottor Giuseppe Di Franco. “Al momento - spiega il dirigente - non sappiamo ancora per quale motivo sia deceduto il giovane. Per questo motivo abbiamo allertato il magistrato che valutera’ se disporre o meno un’autopsia”. (AGI)
Cli/Dos

ATLETICA: MARATONA MARRAKECH: VITTORIA DI JALAL

Sunday, January 29th, 2006

(AGI/DS) Marrakech (Marocco), 29 gen. - Il marocchino Noureddine Jalal ha vinto la 17.a maratona di Marrakech davanti al connazionale Hamou Moudouji. Il fondista di Midelt, nell’Atlante centrale, ha cosi’ trionfato per la prima volta in una gara del Grand Prix internazionale correndo in 2h14′30′. Il successo e’ arrivato di misura, con appena 5′ di margine su Moudouji e 20′ sullo spagnolo Ziani Zouak.
Questo l’ordine d’arrivo dei primi tre classificati: 1. Noureddine Jalal (MAR) 2h14′30′. 2. Hamou Moudouji (MAR) 2h14′35′. 3. Ziani Zouak (SPA)2h14′50′.(AGI)
Red/Tri

BASKET: SERIE A: LA VIRTUS DOMINA E SUPERA L’OLIMPIA MILANO

Sunday, January 29th, 2006

(AGI/DS) - Bologna, 29 gen. - L’anticipo di mezzogiorno della 18.a giornata di serie A vede il successo della Virtus Bologna sull’Olimpia Milano. Non c’e’ storia al PalaMalaguti, dove il nuovo allenatore dei meneghini Djordjevic non riesce a ripetere l’impresa di giovedi’ in Eurolega, quando l’Armani Jeans Milano batte’ i campioni in carica del Maccabi Tel Aviv. Partenza devastante per la VidiVici Bologna domenica, che infila 7 tiri da tre sui primi 23 punti realizzati e spegne subito le velleita’ dei meneghini, che al termine del primo quarto sono gia’ sotto per 33-11. All’intervallo lungo il tabellone dice 49 per Bologna e 30 per Milano: impresa dura per coach Djordjevic rimettere in sesto il morale dei suoi, che comunque ci provano e riportano il distacco entro un margine accettabile, che pero’ resta sempre in doppia cifra.La gara si chiude cosi’ 89-72, con la Virtus capace di tirare con il 51,6 per cento da tre punti (16/31) e David Bluthenthal miglior realizzatore con 22 punti. Male la compagine milanese, in cui si salvano Tyrone Grant, miglior marcatore dell’incontro con 26 punti personali, e Massimo Bulleri, 19 per lui. Con questo successo i felsinei salgono a 22 punti dopo 18 giornate, scavalcando proprio i lombardi, fermi a quota 20.(AGI)
Red/Tri

FORMULA 1: BRIATORE POSSIBILE CANDIDATO SE ECCLESTONE LASCIA

Sunday, January 29th, 2006

(AGI/DS) - Milano, 29 gen. - Spunta un nome tra i possibili sostituti di Bernie Ecclestone qualora andasse in pensione nel 2007: Flavio Briatore. Come sostiene il quotidiano spagnolo As, il team manager Renault, scuderia campione del mondo 2005, sembra poter contare sul sostegno della maggior parte delle squadre impegnate nel Mondiale. Intrattiene inoltre da sempre un rapporto amichevole con il boss della F1, 76 anni il prossimo 28 ottobre, da molti indicato prossimo al ritiro al termine del Mondiale 2006. Ecclestone appare provato, stanco dopo le molte stagioni trascorse seguendo la classe regina delle quattro ruote; ritiene poi di aver raggiunto gli obiettivi prefissati e sarebbe quindi pronto a cedere lo scettro del comando. Come dovra’ essere il successore di Bernie? Dovra’ possedere indubbiamente personalita’ e carattere, oltre a una profonda conoscenza dell’ambiente delle corse. Tratti tutti in possesso di Flavio Briatore; a influire sulla sua candidatura, i recenti successi di Fernando Alonso, ingaggiato nel 2000 dal team Minardi (ora Toro Rosso) e cullato sino alla conquista del titolo iridato. Prima che il talento iberico decidesse di abbandonare tutti nel 2007 e di migrare alla McLaren. L’incoronazione del Flavio nazionale potra’ avvenire solo se riuscira’ ad attrarre dalla sua parte la maggioranza delle scuderie. Compito che non si annuncia eccessivamente difficile, dal momento che il Patto della Concordia appena rinnovato ha suscitato roventi polemiche e che in molti sarebbero felici di rinegoziare la ripartizione dei proventi. Come a dire, tutti felici. Non vi e’ da dimenticare inoltre che Alonso, che restera’ legato in qualche modo alla Renault in materia di diritti d’immagine, rappresenta da sempre uno dei piloti preferiti di Bernie Ecclestone. Senza dimenticarsi di Michael Schumacher, che con la scuderia francese si laureo’ miglior pilota per due campionati consecutivi, 1994-’95.(AGI)
Red/Tri

TENNIS: FEDERER VINCE OPEN D’AUSTRALIA

Sunday, January 29th, 2006

(AGI/AFP) - Melbourne (Australia), 29 gen. - Lo svizzero Roger Federer, numero uno al mondo, ha vinto oggi il suo settimo titolo del grande slam battendo nella finale degli open d’Australia il cipriota Marcos Baghdatis per 5-7, 7-5, 6-0, 6-2. (AGI)
Ral

AUTO: IL 29 GENNAIO COMPIE 120 ANNI LA PRIMA VETTURA A MOTORE

Sunday, January 29th, 2006

(AGI) - Roma, 29 gen - Cosi’ Karl Benz crea una serie di tecnologie innovative: un motore monocilindrico a quattro tempi compatto e veloce alimentato a benzina capace di esprimere 2,5 cavalli di potenza a 500 giri al minuto grazie ad una cilindrata di 1.660 cmc (oggi le Formula 1 arrivano a 18.000 giri), l’accensione elettrica, il carburatore, il radiatore ad acqua, lo sterzo, il telaio tubolare in acciaio. E’ questa la prima ‘Motorwagen’ che entra in circolazione a meta’ del 1886: pesa 360 kg, raggiunge con difficolta’ i 20 km all’ora, consuma poco, poco piu’ di un litro per coprire 10 km, ha dei ‘quasi-freni’ a ceppi azionabili a mano, ha ruote in gomma piena all’avantreno ed in ferro al retrotreno, e’ lunga 2,7 metri e larga 1,4 metri. Cifre che possono far ridere, meritano invece rispetto perche’ da questa ‘automobile’ prenderanno spunto tutte quelle che verranno dopo, lungo i 120 anni che ci separano da quel 29 gennaio, da quel brevetto imperiale numero 37435. (AGI)
Def