Archivio per il November, 2005

RAITRE: HIT SCIENCE

Friday, November 25th, 2005

(AGI) - Roma, 25 nov. - Sabato 26 novembre alle 10.30 su Raitre a “Hit science” si parlera’ della velocita’ della luce. La teoria della relativita’ spiegata con due macchinine? Possibilissimo, se e’ farlo e’ Alex, che conferisce a Superolly il potere di correre veloce come la luce. A proposito di velocita’: se qualcuno se chiede perche’ Valentino Rossi si appiattisce come una rana sulla sua moto per raggiungere i migliori risultati, Vandana svelera’ il mistero con un esperimento che riguarda il baricentro. Alex non sara’ da meno: perche’ fa irruzione addirittura in una galleria del vento per verificare i principi dell’ aerodinamica. Vuoi scoprire come fanno gli aerei a volare? A Vandana bastano due palloncini e poco altro per spiegarlo nel suo angolo della scienza-fai-da-te. Ancora sulla velocita’: Achille puo’ superare la tartaruga, e perche’? Questo il tema del racconto-indovinello matematico. La soluzione, come sempre, sul sito www.hitscience.rai.it . Il blitz scientifico di Alex e’ trascinante: letteralmente, perche’ il veejay e i quattro Gialli scivoleranno da un toboga acquatico per verificare tutti gli effetti della forza centripeta. (AGI)

TORINO 2006: DOMENICA ACCENSIONE FIAMMA OLIMPICA IN GRECIA

Friday, November 25th, 2005

(AGI) - Torino, 25 nov. - Accensione della Fiamma Olimpica, dopodomani nella Piana di Olimpia, in Grecia, in vista di “Torino 2006″. La cerimonia che vanta una millenaria tradizione risalente agli antichi Giochi rinnova, con la staffetta dei tedofori, i piu’ che mai attuali valori olimpici di pace, lealta’ e unione tra i popoli.
Al solenne rito sono annunciati il vicepresidente del CIO Landis Nikolou, quello del Comitato Olimpico, Greco Minos Kyriakou, il sindaco di Olimpia Ioannis Skoularikis e, naturalmente, la delegazione italiana guidata dal presidente del TOROC, Valentino Castellani, e dalla presidente della Regione Piemonte, Mercedes Bresso.
Il programma prevede, dopo un breve saluto delle autorita’, la consegna della Fiamma al primo tedoforo della staffetta greca. Il sacro fuoco, custodito dalle sacerdotesse del tempio di Era in un luogo segreto, e’ stato acceso tramite l’uso del tradizionale specchio parabolico concavo nel corso di questa settimana per evitare che le condizioni climatiche impediscano lo svolgimento della Cerimonia.
La Fiamma, dopo dieci giorni di staffetta attraverso le strade della Grecia, il 6 dicembre giungera’ ad Atene, allo stadio Panathinaykos (stadio Olimpico). Il giorno seguente sara’ consegnata alla delegazione di Torino 2006 e volera’ in Italia dove iniziera’ il viaggio attraverso il Paese fino arrivare a Torino.
La Cerimonia d’Accensione della Fiamma in Italia sara’ trasmessa in diretta da Sportitalia, a partire dalle 10.30.(AGI)

PESCARA 2009: PAOLINI, CHI ALTRI METTE SOLDI OLTRE A REGIONE ?

Friday, November 25th, 2005

(AGI)- Pescara, 25 nov.- Nel bilancio 2006 la Regione ha previsto 2 milioni e mezzo di euro per i Giochi del Mediterraneo. Lo ha annunciato questa mattina, a Pescara, il vice presidente della giunta regionale ed assessore al turismo, Enrico Paolini, che ha anche parlato di problemi di tipo tecnico e politico da superare per la realizzazione dei Giochi del mediterraneo 2009.
” Ho proposto - ha detto Paolini - alla giunta di prevedere nella finanziaria 2 milioni e mezzo di euro per i Giochi del Mediterraneo. In particolare 2 milioni sono per i Giochi e 500 mila euro per gli europei di basket del 2007, che si svolgeranno a Chieti. In sostanza sono sempre fondi per i Giochi del 2009 perche’ si svolgeranno anche negli impianti utilizzati per il basket. Il prossimo 15 dicembre - ha aggiunto - la delibera sara’ portata in consiglio, che si dovra’ esprimere. Inoltre e’ disponile anche un altro milione di euro, che si puo’ liberare nel bilancio ordinario. Abbiamo anche chiesto al Governo - ha aggiunto- di correggere l’ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri, che dichiarava il grande evento solo nella provincia di Pescara. Inoltre se non e’ possibile aumentare i 30 milioni di euro che il Governo ha stanziato, tramite la protezione civile, per il 2007, almeno che partano dal 2006. Il Governo - ha sottolineato Paolini - restera’ in carica fino al 2006, come fa, quindi, ad impegnare soldi per il 2007? Entro il 20 dicembre la Camera dovra’ approvare il maxiemendamento del Governo, in quell’occasione si potrebbe correggere l’ordinanza. Il modo migliore- ha detto Paolini- per dimostrare a Del Turco- che i Giochi sono importanti e’ quello di portare soldi, contratti di sponsorizzazione. Noi come Regione li stiamo portando, chi altri li sta portando?” .
La prossima settimana il presidente del Comitato internazionale dei Giochi, Amar Addadi, sara’ in Abruzzo per visitare gli impianti, ma per Paolini il problema, “e’ che fino ad ora l’unico finanziamento pubblico di rilievo e’ stato quello della Regione. Anche per il 2005 - ha aggiunto - sono stati regolarmente destinati 400 mila euro per il solo funzionamento del Comitato organizzatore”.
Inoltre Paolini ha lanciato la proposta a tutti quelli che si candideranno alle elezioni di autosospendersi dall’ufficio di presidenza dei Giochi al fine ” di evitare - ha precisato - che i Giochi diventino una kermesse politica - elettorale”. Infine il vice presidente della giunta ha precisato di non aver abbandonato il consiglio di amministrazione del comitato organizzatore, che si e’ svolto a Roma lo scorso 18 novembre. “In quell’occasione ho detto che il bilancio non si puo’ approvare fino a quando gli enti pubblici non elencano i soldi che metteranno a disposizione. Petrucci ha riconosciuto che avevo ragione e poi alle 13 sono andato via perche’ avevo una riunione all’Enit. Non me ne sono andato, forse lo si scrive per creare un alibi a chi se ne vuole veramente andare. Petrucci - ha concluso Paolini - ha detto che non c’e’ il clima di fiducia necessario, ma se c’e’ un problema di fiducia complessivo va posto ad Aracu, che e’ stato indicato dal Coni”.(AGI)

BASKET: TERAMO; LULLI, “ATTENTI A MYLES”

Friday, November 25th, 2005

(AGI/DS) - Teramo, 25 nov. - Gianluca Lulli attende il match con Reggio Calabria: ‘Attenzione a Ellis Myles, anche se non so se giochera’. La squadra abruzzese, reduce da una brutta sconfitta con Avellino, vuole riscattarsi con i calabresi: ‘E’ un’altra partita da prendere con le molle - spiega il capitano - loro sono sicuramente una buona squadra e saliranno a Teramo con il coltello fra i denti. Sono un team equilibrato e hanno giocatori atletici e gli esterni sono in grado di realizzare molti punti’.
Un solo obiettivo per Lulli, la vittoria: ‘Sappiamo che nessuna partita e’ scontata e anche questa volta sara’ una battaglia - dice - Abbiamo lavorato bene in settimana, con grande concentrazione e abbiamo il dovere di riscattare la sconfitta contro Avellino. Non possiamo permetterci un altro passo falso e dobbiamo una vittoria al nostro pubblico’.
Ex di lusso dell’incontro sara’ Massimo Bianchi, assistant coach teramano, che, approdato sullo Stretto nel 1978, ha giocato per ben dieci anni nella Viola e, una volta appesa la canotta al chiodo, ha intrapreso la carriera di allenatore nelle giovanili dello stesso club, fino ad assumere l’incarico di vice-allenatore della prima squadra. Tra gli abruzzesi gioca anche Stefano Rajola, a Reggio Calabria nella stagione 1996/97. (AGI)

BASKET: ROMA, PESIC “FINALMENTE SIAMO AL COMPLETO”

Friday, November 25th, 2005

(AGI/DS) - Roma, 25 nov. - Coach Svetislav Pesic ha potuto lavorare con tutti gli effettivi: ‘Per la prima volta giovedi’ eravamo almeno in 10′. La Virtus Roma si appresta a partire per Capo d’Orlando, dove domani sera alle 20,45 affrontera’ la Cenerentola del campionato di Serie A, che viaggia a 6 punti in 9 partite contro i 10 ottenuti dai capitolini.Non e’ un periodo facile per la Lottomatica Roma, che nelle ultime settimane ha dovuto rinunciare a molti titolari fuori per infortunio. Per ultima e’ arrivata martedi’ la sconfitta contro l’Hapoel Gerusalemme, passato al PalaEur per 94-91.La squadra ora sta per tornare al completo, fatta eccezione per Tomas Van Den Spiegel. A proposito del centro belga il dott. Montera, medico sociale dei romani, ha spiegato: ‘In occasione della partita di martedi’ scorso con l’Hapoel, il giocatore ha subito una distorsione di terzo grado alla caviglia sinistra con lacerazione dei legamenti esterni. L’arto e’ stato bloccato con una colla di zinco. Dopo 10 giorni di assoluto riposo verificheremo le sue condizioni’. Svetislav Pesic alla vigilia della gara e’ fiducioso: “L’Upea Capo d’Orlando e’ una squadra con un buon carattere, ha perso qualche partita in casa ma dobbiamo affrontarla con la giusta concentrazione - afferma - Abbiamo preparato la partita, anche se abbiamo dovuto pensare innanzitutto ai nostri problemi. La gara con l’Hapoel non mi sembra che abbia lasciato strascichi a livello mentale. Ormai appartiene al passato, sappiamo dove abbiamo sbagliato e dove lavorare per esprimerci meglio. Un grande passo avanti e’ sicuramente quello di allenarsi al completo, con la giusta intensita’”. (AGI)

F1: WILLIAMS, WEBBER, “DOBBIAMO DARCI UNA MOSSA”

Friday, November 25th, 2005

(AGI/DS) - Milano, 25 nov. - Prosegue il mea culpa di Mark Webber. Il pilota Williams dichiara: “Nel 2005 mi aspettavo molti piu’ arrivi a podio”. L’australiano appare conscio di non essersi espresso a grandi livelli in occasione del Mondiale da poco conclusosi. Per il corridore, che nei giorni scorsi si era dichiarato ‘deluso di se stesso’, e’ stata decisamente una brutta stagione.
“So che dopo quest’anno la mia reputazione come professionista non e’ migliorata - precisa Webber ad Autosport - Mi aspettavo molti piu’ arrivi a podio”. Il nodo della questione risiederebbe per il pilota nella quasi impossibilita’, in casa Williams, a concentrare tutte le attenzioni su una sola guida, come accade in altre realta’. “Per me sarebbe un po’ dura fare cio’ che ha fatto Michael Schumacher alla Ferrari, costruire un team intorno a me. Jenson Button, ad esempio, ha deciso di restare alla BAR perche’ per lui sarebbe stato difficile lasciare un ambiente interamente concentrato su di lui”. La carrellata delle esemplificazioni tocca anche il neo-campione del mondo, Fernando Alonso: “Ha esattamente il team che vuole e puo’ dirgli come agire”, chiosa Webber. (AGI)

GINNASTICA: MONDIALI, ORO E ARGENTO AGLI USA IN CONCORSO DONNE

Friday, November 25th, 2005

(AGI/REUTERS) - Melbourne (Australia), 25 nov. - Sono andate agli Usa, come previsto, le medaglie d’oro e d’argento del concorso femminile, ai mondiali di ginnastica. Il titolo iridato e’ stato conquistato da Chellsie Memmel, che ha
prevalso su Nastia Liukin. La britannica Monette Russo si e’ aggiudicata il bronzo.

1. Chellsie Memmel (Usa) 37,824
2. Nastia Liukin (Usa) 37,823
3. Monette Russo (Australia) 37,298
4. Beth Tweddle (Gran Bretagna) 36,936
5. Emilie Le Pennec (Francia) 36,674
6. Florica Leonida (Romania) 36,475
7. Anna Pavlova (Russia) 36,387
8. Daria Bijak (Germania) 35,712. (AGI)

SPORT: BARI CAPITALE DELLA PESISTICA DEL MEDITERRANEO

Friday, November 25th, 2005

(AGI) - Bari, 25 nov. - Il capoluogo pugliese sta per diventare capitale della pesistica del Mediterraneo. Cio’ grazie a un doppio evento: il 2 dicembre, la nascita della Confederazione del Mediterraneo, con 18 Paesi aderenti fra Europa, Africa e Asia e, sabato 3 dicembre, il Gotha della pesistica impegnato al PalaMartino nella “Coppa del Mediterraneo”. Le gare saranno trasmesse su Sport Italia, Eurosport, La7, UnoSat-Sky (canale 862). Patrocinato da Presidenza della Repubblica Italiana, Stato Maggiore della Difesa, Regione Puglia, Provincia di Bari, Comune di Bari e Fiera del Levante, l’evento sara’ presentato il 29 novembre nella Sala Giunta del Comune di Bari, alle 11. Interverranno il presidente del Coni Puglia Elio Sannicandro, il consigliere nazionale federale (Fipcf) Maurizio Lo Buono, il componente della Giunta nazionale Coni e presidente della Scuola Regionale dello Sport - Puglia Michele Barbone, il presidente regionale Fipcf maestro Vincenzo Smurro. (AGI)

VOLLEY: GRAND CHAMPIONS CUP, ITALIA BATTUTA 3-0 DAGLI USA

Friday, November 25th, 2005

(AGI/REUTERS) - Tokyo, 25 nov. - Prima caduta dell’Italia nella Grand Champions Cup di pallavolo in svolgimento a Tokyo. Gli azzurri si sono arresi 3-0 agli Stati Uniti (23-25, 20-25, 18-25) dopo le belle vittorie con Cina ed Egitto. “Abbiamo sbagliato atteggiamento e niente ha funzionato”, ha ammesso il ct Gian Paolo Montali. Venerdi’ c’e’ la sfida con il Brasile, vittorioso 3-2 sul Giappone e ora favorito per la vittoria finale, anche se il nuovo regolamento della Fivb, che stabilisce che a parita’ di vittorie sia il ‘quoziente punti’ a indicare chi ha la classifica migliore, lascia aperte le strade a qualsiasi soluzione. Una vittoria italiana rilancerebbe le chance degli stessi Usa. (AGI)

BASKET: LEGA, PRANDI “CI SCUSIAMO CON VELTRONI”

Thursday, November 24th, 2005

(AGI/DS) - Milano, 24 nov. - Non si e’ fatta attendere la replica da parte del presidente della Lega Basket Serie A, Enrico Prandi, a Veltroni. Il Sindaco di Roma ha commentato la decisione di spostare l’All Star Game dicendo che ‘e’ stata presa ’senza nemmeno una parola ufficiale di scuse nei confronti di Roma’. Prandi ha risposto con una lettera aperta: “Caro Sindaco, faccio seguito alla mia telefonata di ieri in cui Le comunicavo l’esito della nostra Assemblea ed alla sua lettera di oggi per esprimerLe nuovamente il rammarico che tale scelta ha comportato in tutti noi”. Poi prosegue: “Sono consapevole che tale decisione La ferisca sia personalmente che in qualita’ di Amministratore. Tuttavia tengo a sottolinearLe come essa non debba essere vissuta come un’ opposizione alla citta’ di Roma, ai suoi tifosi, ne’ tanto meno alla Sua persona”.
“Conosco troppo bene l’interesse con il quale ha seguito negli ultimi anni le vicende della pallacanestro italiana e il Suo supporto - prosegue - ci e’ stato di grande aiuto. Come pero’ avra’ potuto osservare le recenti prese di posizione della FIP e del CONI, che in estrema sintesi negano la rappresentativita’ del settore professionistico e la possibilita’ di coloro che investono nel basket di essere almeno parzialmente artefici del proprio destino, hanno prodotto una frattura al momento insanabile e hanno provocato una dura reazione da parte dei proprietari delle squadre che, da tempo e con pazienza, stanno cercando soluzioni che possano al contempo soddisfare le esigenze di crescita dei vivai italiani con quelle del contenimento dei costi”.
“A seguito della decisione di non giocare contro la Nazionale, come simbolica forma di protesta avverso le decisioni della FIP, fino all’ultimo abbiamo cercato di organizzare l’evento a Roma, tentando anche un’ultima volta di convincere la squadra della Virtus Roma a giocare contro la selezione All Star, tentativo rivelatosi infruttuoso, ma che ci avrebbe garantito una eccezionale vetrina di campioni, beniamini del pubblico di casa. In conseguenza di questa situazione l’Assemblea ha ritenuto di non poter assicurare condizioni di spettacolo quali quelle che la citta’ di Roma meriterebbe”. “La Lega Pallacanestro di Serie A, nel porgerLe nuovamente le proprie scuse per quanto accaduto - conclude la lettera - e’ comunque consapevole che la Capitale d’Italia meriti l’assegnazione di uno spettacolo di vertice quale l’All Star Game, nella soluzione prospettata in origine, avrebbe rappresentato ed e’ pronta in un futuro anche immediato ad offrire altre opportunita’ equivalenti in termini di prestigio e notorieta’. Con la speranza che vorra’ comprendere le ragioni profonde che sono alla base di questa sofferta decisione, Le rinnovo il mio ringraziamento personale e quello di tutta la Lega per la Sua costante attenzione ed il Suo aiuto”.
(AGI)

BASKET, LEGA: PRANDI “CI SCUSIAMO CON VELTRONI”

Thursday, November 24th, 2005

(AGI/DS) - Milano, 24 nov. - Non si e’ fatta attendere la replica da parte del presidente della Lega Basket Serie A, Enrico Prandi, a Veltroni. Il Sindaco di Roma ha commentato la decisione di spostare l’All Star Game dicendo che ‘e’ stata presa ’senza nemmeno una parola ufficiale di scuse nei confronti di Roma’. Prandi ha risposto con una lettera aperta: “Caro Sindaco, faccio seguito alla mia telefonata di ieri in cui Le comunicavo l’esito della nostra Assemblea ed alla sua lettera di oggi per esprimerLe nuovamente il rammarico che tale scelta ha comportato in tutti noi”. Poi prosegue: “Sono consapevole che tale decisione La ferisca sia personalmente che in qualita’ di Amministratore. Tuttavia tengo a sottolinearLe come essa non debba essere vissuta come un’ opposizione alla citta’ di Roma, ai suoi tifosi, ne’ tanto meno alla Sua persona”.
“Conosco troppo bene l’interesse con il quale ha seguito negli ultimi anni le vicende della pallacanestro italiana e il Suo supporto - prosegue - ci e’ stato di grande aiuto. Come pero’ avra’ potuto osservare le recenti prese di posizione della FIP e del CONI, che in estrema sintesi negano la rappresentativita’ del settore professionistico e la possibilita’ di coloro che investono nel basket di essere almeno parzialmente artefici del proprio destino, hanno prodotto una frattura al momento insanabile e hanno provocato una dura reazione da parte dei proprietari delle squadre che, da tempo e con pazienza, stanno cercando soluzioni che possano al contempo soddisfare le esigenze di crescita dei vivai italiani con quelle del contenimento dei costi”.
“A seguito della decisione di non giocare contro la Nazionale, come simbolica forma di protesta avverso le decisioni della FIP, fino all’ultimo abbiamo cercato di organizzare l’evento a Roma, tentando anche un’ultima volta di convincere la squadra della Virtus Roma a giocare contro la selezione All Star, tentativo rivelatosi infruttuoso, ma che ci avrebbe garantito una eccezionale vetrina di campioni, beniamini del pubblico di casa. In conseguenza di questa situazione l’Assemblea ha ritenuto di non poter assicurare condizioni di spettacolo quali quelle che la citta’ di Roma meriterebbe”. “La Lega Pallacanestro di Serie A, nel porgerLe nuovamente le proprie scuse per quanto accaduto - conclude la lettera - e’ comunque consapevole che la Capitale d’Italia meriti l’assegnazione di uno spettacolo di vertice quale l’All Star Game, nella soluzione prospettata in origine, avrebbe rappresentato ed e’ pronta in un futuro anche immediato ad offrire altre opportunita’ equivalenti in termini di prestigio e notorieta’. Con la speranza che vorra’ comprendere le ragioni profonde che sono alla base di questa sofferta decisione, Le rinnovo il mio ringraziamento personale e quello di tutta la Lega per la Sua costante attenzione ed il Suo aiuto”. (AGI)

BASKET, VELTRONI: “LA LEGA SI SCUSI PER L’ALL-STAR GAME”

Thursday, November 24th, 2005

(AGI/DS) - Roma, 24 nov. - Il sindaco di Roma, citta’ che il prossimo 11 dicembre avrebbe dovuto ospitare al PalaEur la partita tra i migliori giocatori italiani e stranieri del campionato di Serie A, ha espresso il suo rammarico per il cambio di programma, in una lettera al presidente di Lega, Enrico Prandi, e ai numeri uno delle societa’ della massima categoria del basket italiano.
“Cari presidenti, nella seduta dello scorso 14 luglio la Lega basket decise di fare disputare l’All-Star Game a Roma. Apprendo oggi dalla lettura dei giornali che il vostro Consiglio ha cambiato improvvisamente idea stabilendo che la partita venga invece disputata a Bologna. E’ una decisione sorprendente e inattesa - si legge nella lettera di Veltroni - Ma, soprattutto, e’ una decisione che e’ stata presa senza che ci sia stata nemmeno una parola ufficiale di scuse nei confronti di Roma”.
Veltroni sostiene di non voler entrare nel merito del conflitto in atto tra LegaBasket e Fip. I due organismi sono in lotta per le recenti norme riguardo la quota-italiani, che dovranno obbligatoriamente essere 5 ‘veri’ (nati e cresciuti in Italia) e 1 di passaporto (e 6 veri dal 2007) fin dalla prossima stagione agonistica 2006/07. La normativa ha spaccato gli accordi tra le parti, portando la Lega alla minaccia concreta di scissione dalla Federbasket, con tanto di istituzione di un campionato ‘alternativo’ a quello della Fip.
“Comprendo come la vostra scelta sia frutto di una conflitto con il Coni e con la Federazione. Non posso pero’ non sottolineare come a pagare le conseguenze di questa vostra decisione siano la citta’ di Roma e i suoi tanti appassionati di basket - commenta il sindaco Veltroni - E’ un comportamento francamente inspiegabile. Possibile che, come succede spesso in questo Paese, tutto debba portare a divisioni, lacerazioni e conflittualita’? E questo proprio mentre, paradossalmente, la pallacanestro italiana sta crescendo fortemente anche grazie all’impegno di grandi citta’ come Roma, Milano, Napoli, Bologna. La vostra decisione - conclude Veltroni - causa amarezza ai tanti tifosi di basket di Roma che del tutto incolpevoli restano privati di un evento al quale tenevano”. (AGI)

DOPING: PRIMO CASO AL MONDO DI POSITIVITA’ NELLE BOCCE

Thursday, November 24th, 2005

(AGI/AFP) - Londra, 24 nov. - Un anonimo giocatore e’ diventato il primo caso in assoluto al mondo di positivita’ ai test anti-doping nelle… bocce. Su identita’ e nazionalita’ dell’atleta, gia’, proprio dell’atleta, non e’ trapelato nulla: si sa soltanto che e’ di sesso maschile e che e’ stato ‘pescato’ ai Campionati delle Isole Britanniche, svoltisi lo scorso giugno a Leamington Spa, nell’Inghilterra centrale. La vicenda, riferita dall’agenzia di stampa britannica ‘Pa’, finora era stata tenuta segreta in attesa che l’interessato producesse prove a propria discolpa; e cosi’ e’ riuscito a fare il misterioso e incauto bocciofilo: ha dimostrato come la sostanza proibita la cui assunzione gli era contestata fosse un diuretico, il bendrofluazide, che aveva in realta’ preso dietro regolare prescrizione medica, come rimedio contro l’ipertensione. Soltanto, si era dimenticato di chiedere a chi di dovere la speciale autorizzazione ‘per uso terapeutico’. Cosi’ alla fine la Federazione Mondiale Bocce lo ha riabilitato, e l’unico episodio mai emerso di doping in questo placido sport si e’ risolto senza l’irrogazione di sanzioni. A qualcuno potra’ magari sembrare un po’ strano, ma ogni anno in Gran Bretagna sui campi da bocce i test per smascherare chi bara con fiale e pillole sono almeno una cinquantina. (AGI)