VUELTA2007: SHOW DI BENNATI, BATTUTI FREIRE E PETACCHI

(AGI/ITALPRESS) - Vigo, 1 set. - Uno a zero per Daniele Bennati. Nel primo show delle ruote veloci alla 62.esima Vuelta Espana, il quasi ventisettenne aretino della Lampre-Fondital coglie con uno sforzo un doppio obiettivo: tappa e maglia oro. Nella frazione iniziale della corsa gialla, 153,4 chilometri con partenza ed arrivo a Vigo, il toscano che ambisce ad una maglia azzurra a Stoccarda trasforma il rettifilo galiziano nei Campi Elisi, nemmeno fosse con la testa ancora al Tour, da dove torno’ con due scalpi: messa al lavoro negli ultimi chilometri la Lampre, il ‘Benna’ si e’ messo sulla scia di Alessandro Petacchi che, portato ai 150 metri dai motori della Milram Marco Velo ed Erik Zabel, si faceva risucchiare dalla forza centrifuga dell’aretino, smettendo addirittura di pedalare e perdendo il secondo posto, andato al tre volte iridato spagnolo della Rabobank. Lo spezzino e’ il grande battuto dell’overture della Vuelta, priva di campioni messi in ginocchio da vicende di doping, cosi’ come il belga Tom Boonen (Quick Step), quinto alle spalle anche dell’australiano Allan Davis, compagno di squadra nella Discovery Channel dello statunitense Tom Danielson, costretto al ritiro per una caduta nelle battute d’avvio. Caduta che ha visto coinvolto anche Damiano Cunego: il capitano della Lampre pero’ si e’ subito rimesso in sella per ripartire senza particolari problemi. Prima dell’ingresso nel circuito di Vigo, la corsa ha vissuto di uno spunto a tre con i francesi Geoffroy Lequatre (Cofidis) e Dimitri Champions (Bouygues Telecom) e lo spagnolo Serafin Martinez Acevedo (Karpin Galicia), ultimo ad arrendersi dopo aver toccato, assieme ai compagni di fuga, quasi tre minuti di vantaggio. Nel finale ha tentato la stoccata il belga Philippe Gilbert (Fdjeux) ma inutilmente: inevitabile lo sprint di gruppo con la zampata di Bennati, primo leader della classifica generale, in grado di poter difendere la maglia anche domani nella seconda delle ventuno frazioni della corsa iberica del ProTour, la Allariz-Santiago de Compostela di 148,7 chilometri. (AGI)
Red