ATLETICA: AI MONDIALI BENE GLI AZZURRI, RIVINCITA LAGAT

(AGI/ITALPRESS) - Osaka, 29 ago. - L’altro personaggio in copertina e’ la britannica Christine Ohurougu, autrice della piu’ grande sorpresa di questi Mondiali con la sua vittoria nei 400 femminili. L’inglese sembrava non dover neanche essere a Osaka: squalificata dalla Iaaf per due anni per avere saltato i test antidoping a sorpresa nel 2005, ha guadagnato in extremis la selezione ottenendo il limite subito dopo la scadenza della sua squalifica. In finale la Ohurougu ha profittato del cedimento improvviso della giamaicana Williams per vincere in 49.61 davanti alla sua connazionale e piu’ accreditata alla vigilia Nicola Sanders (49.65). Relativamente sorprendente anche il successo del bahamense Donald Thomas nel salto in alto, dove ha ripetuto con il suo stile Fosbury del tutto originale il 2,35 che gli valeva gia’ il primato mondiale stagionale. Stessa misura per il secondo, il russo Rybakov, e il terzo, il cipriota Ioannou (prima medaglia per il suo Paese) con lo svedese Holm solo quarto. Nel disco femminile, finale dai risultati tecnici piuttosto modesti, titolo alla tedesca Franka Dietsch che alla bella eta’ di 39 anni allunga la sua serie di successi internazionali che comprendeva gia’ i titoli iridati di Siviglia 1999 e Helsinki 2005, ma il suo 66,61 e’ misura non di grandissimo spessore. Nei 100 siepi femminili bis iridato per la statunitense Michelle Perry, prima in 12,46.
Domani giornata senza sessione mattutina, forse la giornata piu’ importante per la spedizione italiana. Alle 12.30 antipasto azzurro con la finale del martello femminile che vedra’ impegnata Clarissa Claretti che come obiettivo ha quello di migliorare il nono posto di Helsinki 2005. Alle 13.40 il via all’attesissima finale del salto in lungo con Andrew Howe: il campione europeo saltera’ per sesto, subito dopo il suo amico-rivale sudafricano Godfrey Mokoena mentre il favorito panamense Irving Saladino sara’ il terzo. Una finale da vivere col fiato sospeso in una giornata che assegnera’ anche i titoli nei 200 metri maschili (tutta da seguire la sfida fra l’americano Gay alla ricerca della doppietta 100-200 e il giamaicano Bolt che vuole vendicare Powell. (AGI)
Red/Fri