BASKET: TORNEO 4 NAZIONI, ITALIA-AUSTRALIA 64-63

(AGI/ITALPRESS) - Zhongshan Shi, 20 giu. - Un libero di Giuliano Maresca a dieci secondi dalla sirena e un tiro di Kendall che non centra il canestro sul ribaltamento di fronte decidono a favore dell’Italia di Charlie Recalcati la sfida contro l’Australia nella quinta giornata del “Torneo delle Quattro Nazioni” in corso in Cina. Gli azzurri si impongono 64-63 (15-14, 29-31, 42-52), cancellando in parte la batosta di tre giorni va che li aveva visti soccombere di fronte ai Boomers per 54-75. Ma anche oggi e’ stata dura, durissima. I ragazzi di Recalcati, reduci dalla bella vittoria di ieri contro la Cina, pagavano la stanchezza di questi giorni di fronte a una squadra che si e’ dimostrata superiore dal punto di vista atletico e fisico per almeno tre quarti di gara. A questo si sono aggiunte le assenze di Zacchetti e Fantoni. E l’inizio della partita non promette bene perche’ i Boomers pressano sistematicamente dalla rimessa, con una difesa fisica al limite del fallo. Per trenta minuti l’Australia e’ un muro contro cui l’Italia si infrange, non riuscendo a trovare con facilita’ il canestro (14/30 al tiro da due e 7/26 da tre a fine gara), ma anche i Boomers accusano i segni della stanchezza e di fronte all’ottimo lavoro degli azzurri in difesa faticano altrettanto nel trovare il canestro (11/42 da due e 7/19 da tre a fine gara). A complicare le cose, a inizio terza frazione, un fallo antisportivo di reazione di Vitali contro Mark Worthington, che segna i due liberi e da’ il via a un break che porta l’Australia sul 42-30 al 24′. Anche nell’ultimo quarto, dove l’Italia si presenta sotto di dieci punti, le cose sembrano non girare bene perche’ Cavaliero prende un tecnico dopo aver tenuto la mano alzata davanti al volto del suo avversario, anche se senza toccarlo. Ma e’ a questo punto che, supportati anche dal pubblico cinese, gli azzurri reagiscono. Vitali e Carra cominciano a trovare il canestro, Luca Infante si fa sentire a rimbalzo, Tomas Ress contribuisce con assist e stoppate e con un parziale di 10-1 l’Italia si rifa’ sotto 52-53). Poi comincia un piccolo show di Luca Vitali: un libero, poi la prima tripla (58-60) poi la seconda con cui l’Italia pareggia (61-61 a 1′47″ dalla fine), poi altri due tiri liberi su fallo di Ingles (nuova parita’ 63-63). Negli ultimi secondi si decide tutto, con Ryan che sbaglia da tre, Maresca che mette un libero su due e Kendall che fallisce il tiro del controsorpasso. Domani l’ultima gara per gli azzurri, attesi dalla Croazia ancora a quota zero, mentre l’Australia, in testa alla classifica con otto punti con l’Italia, affrontera’ la Cina.

Red