MOTOMONDIALE: GP FRANCIA. MELANDRI “INUTILE RISCHIARE”

(AGI/ITALPRESS) -Le Mas (FRANCIA), 20 mag. - Ora Melandri e’ il migliore dei piloti della Honda e per il Mugello si attende qualche novita’, qualche “aiuto” dalla Honda. “Lo spero, quello che e’ certo e’ che avremo delle gomme nuove, ma anche sul fronte motore e telaio credo che arrivera’ qualcosa perche’ in classifica siamo messi bene”. Non ha vinto ma e’ finito comunque sul podio e soprattutto ha preso altri sei punti a Valentino Rossi. Casey Stoner, non puo’ che essere contento della sua prestazione. “Io ho cercato di tenere il mio ritmo anche perche’ Valentino andava molto forte; ho cercato di non fare errori ed alla fine ho avuto ragione” dice il giovane australiano della Ducati. “Siamo arrivati a Le Mans con tutti che dicevano che noi andiamo forte solo in rettilineo, invece, qui abbiamo fatto un ottimo lavoro, ci siamo qualificati bene ed anche con la pioggia siamo andati forti” spiega il leader della MotoGP che adesso pensa al prossimo appuntamento “di casa” per la Ducati, al Mugello per il Gran Premio d’Italia. “Ora pensiamo al Mugello, una gara che comincio a sentire molto, dove ci sara’ una grande accoglienza per noi vista questa classifica”. Bene in qualifica, bene in partenze e soprattutto con l’asfalto asciutto o umido, ma quando ha cominciato a piovere intensamente, per Valentino Rossi e’ iniziato un calvario con le gomme Michelin montate dalla sua Fiat Yamaha, in grande crisi, tanto da fargli tirare i remi in barca, limitando i danni con un sesto posto. “Un grande peccato! Perche’ sull’asciutto avevamo apportato delle modifiche che andavano bene, ero molto veloce in qualifica, ho fatto una buona partenza e speravo che non iniziasse a piovere perche’ potevo allungare” spiega il pesarese. “Anche con la pioggia ero li’ davanti, ma quando ha cominciato a piovere di piu’ la mia gomma e’ andata giu’, forse era troppo dura o era un problema di setting, quello che conta che alla fine ero fermo. Un vero peccato. Ora, pero’, la Michelin deve darci una mano perche’ le Bridgestone anche sotto la pioggia sembravano di un altro pianeta” rimarca il pilota del Fiat Yamaha Team. “Sull’asciutto ci manca ancora un po’ di motore contro la Ducati, soffriamo un po’, ma le gomme sono il problema principale la Bridgestone ci sta dando costantemente la paga. Noi oggi, piu’ acqua c’era e piu’ la gomma andava in crisi” ribadise Valentino. “Lo ripeto, un vero peccato, perche’ io stavo spingendo, mi sentivo bene con la moto, avevo un buon vantaggio, ma con la pioggia sono andato un po’ in crisi e quindi ho cercato di perdere meno punti da Stoner: solo sei”. Anche Loris Capirossi ha da recriminare per il suo ottavo posto. Partito quindicesimo, il pilota di Borgo Rivola era arrivato nelle primissime posizioni, ma quando ha cambiato la moto per la pioggia, non e’ piu’ riuscito ad andare forte. “Sono partito molto bene e tutto sommato ho fatto una buona gara anche se le condizioni erano un po’ precarie per tutti, lo ripeto ho fatto una buona gara” dice Carirossi. “Quando ha iniziato a piovere mi sono fermato prima di tutti e uscito con le gomme d’acqua ero davanti a tutti, purtoppo ho avuto un problema di motore ed ho cercato di portare qualche punto a casa”. A spiegare il perche’ dei problemi della GP07 di Loris, Livio Suppo, team manager della scuderia Ducati Marlboro. “Sulla sua moto c’era una mappatura non adatta alla pioggia” dice. “Di questo ci scusiamo con lui, per questo Loris merita al Mugello di avere qualcosa di speciale”.

Red