VELA: COPPA AMERICA. LVC, IL NUOVO PROGRAMMA

(AGI/ITALPRESS) - Valencia, 22 apr. - Domenica mattina gli organizzatori della 32ma America’s Cup e della Louis Vuitton Cup hanno annunciato il cambiamento del calendario della Louis Vuitton Cup. “Una serie di giornate caratterizzate da condizioni meteo inusuali, ha causato l’annullamento di cinque giorni di regata su sei la settimana scorsa - ha dichiarato Michel Bonnefous, CEO di AC Management - Come conseguenza di questa situazione, e dopo avere consultato la Challenger Commission, AC Management, quale sola responsabile dell’organizzazione della 32ma America’s Cup e della Louis Vuitton Cup, ha deciso di modificare il calendario del Round Robin 1 e del Round Robin 2 della Louis Vuitton Cup”. Il principale cambiamento vede la cancellazione del giorno di riposo tra il Round Robin 1 e il Round Robin 2. Tutti Flight saranno disputati seguendo l’ordine cronologico del programma, mentre quelli parzialmente disputati, saranno rinviati in coda al calendario. Sono previsti due giorni di riserva (8 e 9 maggio) alla fine del Round Robin 2. Se necessario, nel corso del Round Robin 2 saranno disputati due Flight al giorno. La data di inizio delle semifinali rimane invariata: 14 maggio. La settima scorsa, sui campi di regata di Valencia ci sono state delle condizioni di vento leggero, adatte a navigare, ma quasi mai sufficientemente stabili per consentire lo svolgimento di regate eque. Nonostante la forte pressione e il desiderio di iniziare, il Direttore di Regata, Dyer Jones, ha affermato che i concorrenti supportano la decisione di non disputare i match in condizioni instabili e inaffidabili. “Quella che si e’ verificata e’ una brutta e inusuale situazione di calma meteorologica caratterizzata da venti che non consentono il regolare svolgimento delle regate”, ha dichiarato. “Il nostro lavoro, in qualita’ di Comitato di Regata, e’ uscire in mare e provare a far disputare regate che siano il pi regolari possibili cos che ogni team abbia la possibilita’ di vincere”. “Tutti i concorrenti vogliono regatare e vincere l’America’s Cup. Ogni singolo challenger e’ qui solo per questo scopo. Tutti vogliono vincere, ma non vogliono vincere per caso e, soprattutto, non vogliono perdere per caso. Questo e’ il principio alla base del lavoro del Comitato di Regata, che cerca di far disputare le regate nel miglior modo possibile. I challenger hanno indicato al Comitato di Regata i parametri secondo i quali vogliono che siano disputate le regate (da 7 a 23 nodi) e noi rispettiamo tali indicazioni perch crediamo che siano le migliori per permettere ai team di dimostrare quello che sanno fare”. “Dobbiamo considerare che lo sport e le regate vengono prima di tutto,” ha confermato il Chief Operating Officer Michel Hodara, esprimendosi in merito al cambio di calendario. “Ma non possiamo non considerare le esigenze e le richieste delle emittenti TV, degli sponsor, i programmi di ospitalita’ e tutti gli elementi legati alla logistica dell’organizzazione e della competizione”. Oggi si disputano i Flight 3 e 4, con una previsione di vento leggero da nordest da 6 a 8 nodi, le condizioni limite per regatare.

Red