SPORT: PRC UMBRIA, OSSERVATORIO PERMANENTE E LOTTA AL DOPING

(AGI) - Perugia, 26 feb - “Conoscere lo sport umbro tramite un Osservatorio e rendere obbligatoria, per chi gestisce l’impiantistica sportiva, la lotta al doping”. Queste le proposte di modifica a due leggi regionali sullo sport (21/97 in materia di ‘promozione della pratica sportiva’ e 23/98 relativa alla ‘tutela sanitaria delle attivita’ sportive’) presentate stamani in conferenza stampa dal Gruppo consiliare di Rifondazione comunista. Per il capogruppo Stefano Vinti “lo sport ha assoluta necessita’ di una nuova fase di sviluppo, con un riposizionamento della cultura sportiva ed un intervento istituzionale”. L’Osservatorio permanente dello sport, composto da rappresentanti delle istituzioni (Regione, Coni, Universita’, Scuola, Anci e Upi) e dagli enti di promozione sportiva piu’ rappresentativi, dovra’ provvedere alla raccolta dei dati e delle informazioni sul sistema sportivo regionale. Ad esso si affianchera’ la Consulta regionale per lo sport e il diritto all’attivita’ motoria, organismo consultivo della Giunta regionale, con il compito di elaborare un progetto antidoping da diffondere su tutto il territorio regionale e fornire elementi per il rilascio del cosiddetto certificato Sport leale. “Il certificato ‘Sport leale’ - ha spiegato Pavilio Lupini - sara’ condizione necessaria per poter svolgere, da parte dei gestori pubblici e privati di ogni impianto, l’attivita’ sportiva. Per acquisire questo certificato dovra’ essere dimostrata la propria attivita’ di informazione verso gli utenti della pericolosita’ di ogni forma di doping e dell’uso di sostanze nocive alla salute”. (AGI)
Cli/Aug