UNIVERSIADI: MELANDRI, TORINO CORNICE IDEALE

(AGI) - Roma, 16 gen. - “Sono certa che Torino, citta’ che indubbiamente sa apprezzare lo sport, offrira’ una cornice ideale per una grande manifestazione come questa. Dopo le esperienze meravigliose dei Giochi Olimpici e di quelli Paralimpici, le Universiadi saranno un’ottima occasione per valorizzare, ancora una volta, il territorio, gli impianti sportivi e le infrastrutture” E’ quanto scrive il ministro dello Sport Giovanna Melandri in un messaggio in occasione delle Universiadi che si aprono domani a Torino. “Sono davvero dispiaciuta di non poter essere con voi - scrive poi il ministro - per partecipare a questo grande evento di sport. E desidero con franchezza spiegarvi il perche’. A partire da mercoledi’ mattina, infatti, ci sara’ il passaggio in aula del disegno di legge delega sui diritti televisivi - spiega il ministro - Quest’ultima rappresenta una tappa fondamentale del progetto di riforma dello sport che il Ministero intende realizzare. Un progetto di cui sono certa, anche una realta’ come la vostra, sara’ parte integrante. Lo sport, oggi, rappresenta uno strumento straordinario di integrazione sociale, conoscenza di se’ e miglioramento dell’equilibrio psico-fisico dei cittadini. E’ anche attraverso il linguaggio dello sport, infatti, che diventa possibile costruire un grande progetto di educazione e comunicazione - continua la Melandri -. Grazie allo sport, sono convinta sia possibile offrire un panorama di prospettive nuove a tutti quei cittadini che, proprio nei valori dello sport, si riconoscono. Proprio per queste ragioni, il tavolo interministeriale istituito con il Ministero della Pubblica Istruzione ha varato un progetto di sperimentazione che sta per essere esteso a sei per Provincia.
L’obiettivo di questa iniziativa e’ quello di promuovere la diffusione della pratica motoria nell’ambito dell’esperienza formativa della scuola italiana. Si tratta di un segnale storico perche’, per la prima volta, si riconosce il valore sociale dello sport”. La Melandri nella lettera osserva anche che “un’esperienza come quella delle Universiadi rappresenti un tassello importante nella costituzione di questo nuovo modello.
Questa manifestazione, infatti, si richiama ai valori della lealta’, della sana competitivita’, della tenacia e dello spirito di sacrificio. Tutti valori che contribuiscono a definire il senso di appartenenza sociale e a combattere quelle odiose discriminazioni che si verificano in ambienti multiculturali, offrendo un valido apporto per favorire l’integrazione delle minoranze. Per tutte queste ragioni, vorrei inviare un affettuoso saluto a tutte e a tutti voi e, soprattutto, ai giovani atleti ed atlete impegnati nelle competizioni. Vorrei ringraziare il Presidente del C.U.S.I. e, soprattutto vorrei rendere omaggio all’ideatore di questa grande manifestazione, il compianto Primo Nebiolo, indimenticabile protagonista nella promozione della pratica sportiva”. (AGI) Red/Sic 161943 GEN 07
Chc