TORINO 2006: DOPING, ALEMANNO, ITALIA HA DIMOSTRATO SERIETA’

(AGI) - Torino, 24 feb. - “A Torino l’Italia in materia antidoping ha dimostrato la sua serieta’”. E’ il parere del ministro alle Politiche agricole e forestali, Gianni Alemanno, espresso ai giornalisti italiani e stranieri nella conferenza stampa indetta oggi al Lingotto. La lotta al doping per Alemanno si estende ai nuovi integratori alimentari per sportivi finiti nel mirino di una ricerca che l’universita’ della Sapienza e l’Istituto nazionale per l’alimentazione stanno realizzando. “E’ ormai chiara l’importanza del rapporto tra cibo e sport - ha detto Alemanno - ma e’ anche importante che questa ricerca sia fatta da enti pubblici e non da privati”. Il ministro e’ affiancato dall’ex pugile, Nino Benvenuti, medaglia d’oro alle olimpiadi 1960 ed ora membro del comitato ministeriale per la valorizzazione dei rapporti tra sport e alimentazione. “Come ex atleta invito ad una grande severita’ contro ogni tipo di alterazione - dice Benvenuti - nella preparazione degli atleti che non sia naturale. Io che ho fatto attivita’ sportiva per vent’anni e sono vissuto a pane, acqua, vino e carne oggi ho una vita regolare. Questo perche’ la mia alimentazione e’ sempre stata corretta e senza abusi di alcun tipo”. Benvenuti, uno degli otto personaggi che domenica ammainano la bandiera nella cerimonia di chiusura delle olimpiadi Torino 2006, si complimenta con gli azzurri “che si sono comportati - dice - in modo encomiabile in questi giochi”. (AGI)
Vai/Fpg