FEDERALBERGHI TORINO: PRIMO VADEMECUM PER DISABILI

(AGI) - Torino, 27 gen. - Nasce a Torino il primo vademecum per l’accoglienza dei disabili nelle strutture alberghiere. Il vademecum, il cui obiettivo e’ accogliere al meglio i disabili nelle strutture turistico-alberghiere associate, e’ il frutto di una collaborazione tra Alessandro Comoletti, Presidente Federalberghi Torino, e Tiziana Nasi, Presidente del Comitato Operativo per le Paralimpiadi Torino 2006.
“Trattare l’ospite con lo stesso riguardo e cortesia riservato agli altri clienti; chiedere all’ospite se ha bisogno di aiuto, non limitarsi ad afferrargli un braccio o spingergli la sedia a rotelle; non risentirsi se un cliente rifiuta l’aiuto: conosce bene cio’ che e’ o non e’ in grado di fare; parlare direttamente all’ospite e non al suo accompagnatore; rivolgersi all’ospite con naturalezza: un atteggiamento amichevole e disponibile e’ decisamente piu’ costruttivo di uno ansioso”. Sono queste le cinque principali regole di comportamento, per gli albergatori che ospitano clienti disabili, contenute nel vademecum.
“Progettare un’ospitalita’ senza barriere, - ha sottolineato Comoletti - realizzare strutture e ambienti che rispondano alle esigenze dei portatori di handicap e offrire un servizio di qualita’ che vada incontro alle loro richieste, sono necessita’ e precisi doveri. Questo non vuol dire che per accogliere i disabili sia necessario realizzare un albergo ad hoc”.
Il vademecum e’ stato inviato nei giorni passati alle oltre 500 strutture turistico-alberghiere della Provincia di Torino.
“La scelta di questo periodo non e’ stata casuale - ha affermato Tiziana Nasi - sono infatti cominciati ieri, (mercoledi’ 26 gennaio 2005), gli Sport Events 2005 Paralimpici con una gara di Coppa del Mondo di Biathlon. Questo momento rappresenta un importante test per misurare, oltre alle condizioni dei percorsi di gara, anche la qualita’ dell’accoglienza di atleti e tifosi disabili in vista delle Paralimpiadi del prossimo anno”. (AGI)