MOTO: GP D’ITALIA AL MUGELLO FINO AL 2011

(AGI/DS) - Milano, 31 mag. - L’Autodromo Internazionale del Mugello ospitera’ il GP d’Italia della MotoGP fino al 2011. Alla vigilia dell’appuntamento (domenica il motomondiale sara’ di scena proprio al Mugello), Jean Todt, DirettoreGenerale della Ferrari, e Carmelo Ezpeleta, CEO di Dorna Sports SL, hanno siglato a Maranello un contratto di rinnovo quinquennale (2007-2011) che assegna al Mugello la titolarita’ del Gran Premio d’Italia.
“L’Autodromo Internazionale del Mugello ha assunto nel corso degli anni un’importanza sempre crescente per laFerrari, che ne e’ proprietaria - ha dichiarato Jean Todt - Questo accordo evidenzia gli elevati standard gia’ raggiunti dalla nostra struttura sotto tutti i punti di vista e, al tempo stesso, costituisce un nuovo punto dipartenza, considerato il programma di ulteriore sviluppo previsto. Mi fa, quindi, molto piacere dare questo annuncio che conferma al Mugello la MotoGP, punta di diamante del motociclismo, con il Gran Premio d’Italia che continuera’ ad essere l’evento piu’ importante nel nostro calendario sportivo anche nei prossimi anni. L’accordo ci permette anche di continuare la positiva collaborazione con Dorna, organizzazione le cui qualita’ professionali hanno permesso al motociclismo di raggiungere un successo ed una popolarita’ mai raggiunti prima”.
Ezpeleta ha aggiunto: “siamo molto soddisfatti di questo accordo che rinnova la nostra collaborazione con l’Autodromo Internazionale del Mugello per altri cinque anni. Siamo orgogliosi di poter collaborare con Ferrari, un nome mitico negli sport motoristici a livello mondiale, e di poter contare su di un tracciato come quello del Mugello per il Campionato del Mondo di MotoGP, un circuito e un’organizzazione ai massimi livelli, da sempre scenario di uno degli appuntamenti piu’avvincenti e seguiti del calendario di MotoGP”.
La comunicazione ufficiale spiega che ‘Guardando al futuro, l’Autodromo Internazionale del Mugello ha in serbo diverse novita’, rivolte ai protagonisti dello spettacolo in pista, agli spettatori ed agli addetti ai lavori. Nell’immediato, sotto il profilo della sicurezza, l’attenzione e’ concentrata sull’allargamento della via di fuga alla prima delle due curve ‘Arrabbiata’. (AGI)
Zec