BASKET: NEL 2005 LE DUE BOLOGNESI SONO TORNATE ALLA RIBALTA

(AGI/DS) Roma, 26 dic. - Il 2005 della pallacanestro italiana ha segnato il ritorno di Bologna come citta’ regina di questo sport. La Fortitudo del presidente Giorgio Seragnoli, dopo aver ceduto lo scudetto nel 2004 alla Montepaschi Siena, impostasi nella serie finale per 3-0 conquistando il primo campionato della sua storia, si e’ riscattata andando a vincere il suo secondo tricolore. Dopo un torneo di vertice i biancoblu’ di Jasmin Repesa hanno vinto l’ambito trofeo, regolando in finale l’Olimpia Milano, al primo anno targata Armani Jeans. La festa dei felsinei ha assunto i toni della vera e propria impresa per il modo in cui e’ maturata.
I milanesi, vincitori in semifinale sulla favoritissima Benetton Treviso, erano infatti arrivati in finale con il vantaggio di non aver nulla da perdere e hanno ceduto al quintetto bolognese solo in gara 4, sul parquet amico, con un tiro da quasi otto metri di Ruben Douglas sul fil di sirena e decreatato valido all’instant replay. Il momento magico della citta’ delle due torri, non a caso definita da sempre Basket City, e’ culminato con il ritorno nella massima serie della gloriosa Virtus Bologna, 622 giorni dopo quel 31 agosto 2003 che sanci’ la fine delle V nere del patron Marco Madrigali.
A ridare fiato e gloria al popolo bianconero ci ha pensato l’imprenditore Claudio Sabatini che ha allestito una squadra di vertice per la Lega Due e ha potuto far festa superando in gara 3 dei play-off promozione la Premiata Montegranaro (3-0). Proprio Milano con il suo ritrovato entusiasmo e il nuovo progetto ha rappresentato una delle note liete della stagione, insieme alla Bipop Carire Reggio Emilia di Fabrizio Frates che ha ottenuto una tranquilla salvezza e si e’ fatta valere nella Final Eight di Coppa Italia, disputata a febbraio a Forli’. (AGI)