SINDACI: ROVIGO, LA SECONDA VOLTA DI MERCHIORI

(AGI) - Rovigo, 24 mag. - A Rovigo si contenderanno la carica di primo cittadino il sindaco uscente Paolo Avezzu’ che e’ sostenuto da una coalizione formata da Fi, An, Udc, Lega Nord, Dc (Rotondi), Nuovo Psi (De Michelis), Lista per Rovigo e Pri e Fausto Merchiori, ex preside, gia’ peraltro sconfitto dallo stesso Avezzu’ cinque anni or sono al ballottaggio. Merchiori e’ sostenuto da una lista che comprende Margherita, Ds, Comunisti Italiani, Rc, Socialisti (Bobo Craxi), Repubblicani Europei (Sbarbati) e Verdi. Al momento sono su questi due nomi che si concentra maggiormente l’attenzione dell’elettorato di Rovigo. Ma per la corsa a Palazzo Nodali complessivamente sono sette i candidati. Oltre a Avezzu’ e Merchiori, tentano la scalata anche Albertino Stocco, simpatizzando per il centrosinistra, Giancarlo Moschin (Rosa nel Pugno) gia’ assessore comunale molto noto in citta’, che in caso di ballottaggio si dovrebbe schierare con Merchiori. C’e’ poi la Lista civica “La mia Rovigo” che sostiene il candidato, ex assessore comunale e vicesindaco Massimo Ghiotto gia’ di An. L’elenco delle civiche prosegue poi con una che porta il nome di Roberto Magaraggia, mentre a sostenere la candidatura a sindaco di Giuseppe Osti (Udeur, referente di Mastella) sono le civiche Pro Rovigo, Rovigo per lo Sport e il gruppo dell’Edeur. Certo e’ che il centrodestra, nonostante qualche perplessita’ dell’Udc e di difficolta’ con la parte piu’ a destra della coalizione, sembra ormai convinto e coeso intorno al nome di Paolo Avezzu’, che mira quindi alla riconferma del suo mandato. (AGI)
Cli/Sic