F.1: MASSA, IL TITOLO? LE POSSIBILITA’ NON MI MANCANO

(AGI/ITALPRESS) - Milano, 10 set. - Felipe Masa ci crede. Il brasiliano della Ferrari ha fiducia sulle sue grandi potenzialita’ e nello stesso tempo mantiene intatta tutta la sua umilta’. A Monza, la gara di casa per la Ferrari, si presentera’ con due soli punti in meno rispetto al leader del mondiale Lewis Hamilton. “Dobbiamo continuare a provare a vincere come al solito - spiega Massa nel corso del suo intervento alla videochat di gazzetta.it. - Se mi sento vicino al titolo? Ho piu’ possibilita’, piu’ punti e sono in lotta come non mai. Ho vinto tanti campionati italiani, europei, brasiliani, c’e’ sempre emozione quando sei li’ a lottare. Monza? E’ una delle mie gare di casa, e’ speciale per me e ancora di piu’ per la Ferrari. Faro’ il 110% per vincere, ma non sono un tipo che promette. Monza e’ una pista particolare, l’aerodinamica e’ diversa rispetto alle altre gare. Avremo un pacchetto Monza che abbiamo utilizzato nelle prove. Se penso di poter battere Hamilton a Monza? Certo, lo abbiamo fatto tante volte e vogliamo farlo anche su questa pista”. Massa parla degli ultimi cinque appuntamenti da qui alla fine del campionato. “Ogni pista ha qualcosa di diverso, a Monza c’e’ bisogno di velocita’, a Singapore sara’ la prima gara in notturna ed e’ difficile sapere come sara’ e poi arriveranno gare sotto la pioggia. In Cina e in Giappone puo’ piovere ma anche fare caldo e poi ci sara’ il mio brasile”. Massa torna sulla sfida di domenica scorsa in Belgio sulla pista di Spa che lo ha visto vincere a tavolino. “Domenica scorsa in Belgio? Ho visto che c’era un ‘casino’ e mi son detto alzo il piede, voglio arrivare alla fine della gara”. Inevitabile un riferimento a quanto accaduto tra il suo compagno Kimi Raikkonen e il suo principale rivale Lewis Hamilton. “E’ vero che il sorpasso e’ il bello delle corse ma ci sono sorpassi e sorpassi. Questa volta e’ capitata una cosa per cui le regole dicono che Lewis ha avuto un vantaggio perche’ ha tagliato la chicane. Ha alzato il piede dall’acceleratore ma ha preso la scia immediatamente. Le regole dicono che doveva essere penalizzato, non ha avuto pazienza, poteva aspettare un’altra curva e poi passare. E’ stato un bel sorpasso, lo abbiamo visto tutti, ma la chicane la devi fare. Ricorso Mclaren? E’ la loro volonta’, sono liberi di farlo”. Non si sbilancia Felipe Massa sul discorso prima guida Ferrari, tuttavia lascia intendere che la classifica non puo’ essere trascurata. “Kimi dovrebbe aiutarmi? Mi mettete in condizioni difficili di rispondere. La squadra vuole vincere e dobbiamo fare tutti il massimo. Kimi e’ bravissimo, puo’ essere molto forte e dobbiamo guardare anche al campionato”. “Chi e’ il pilota piu’ forte in questo momento? E’ quello che e’ davanti a me in campionato - continua Massa - Bisogna guardare sempre chi e’ il piu’ vicino e chi e’ davanti a te. C’e’ un buon rapporto tra me e lui, ma io ho un buon rapporto con tutti” Anche con Alonso con il quale non manco’ qualche scontro nella passata stagione: “Lo scorso anno andai a dargli la mano e a congratularmi con lui perche’ avevo perso e lui mi disse che non ero una persona onesta. Comunque le cose adesso vanno meglio anche con lui”. Massa entra poi sul personale e parla dei suoi riti prima delle gare. “Ho la mia mutanda portafortuna del sabato e la domenica e poi magari provo sempre a fare le stesse cose prima di andare nel circuito. Se le prove vanno bene con gli stessi vestiti, tendo a rimetterli. Sono cose che non servono a niente ma che ti fanno stare piu’ tranquillo. Se il matrimonio mi ha aiutato? Un pilota deve pensare a guidare la macchina, non a quello che accade nella vita personale. Io sono disordinato, Raffaella riesce a sistemare questo lato negativo e mi aiuta molto. E poi lei mi lascia tranquillo. Non mi dice se dovevo montare una gomma piu’ dura dietro pero’ psicologicamente mi e’ utile. Cosa faccio prima delle gare? Ci sono piloti che dormono, come Schumi. A me non piace, io sono come un diesel, ho bisogno di c

Red/Pat