UDINE: ESIBIZIONISTA FILIPPINO COLPITO IN SPIAGGIA A LIGNANO

(AGI) - Lignano (Udine), 4 ago. - Risolto dalla Polizia di Lignano (Udine) ‘il giallo’ sulle gravissime lesioni riportate al capo da un cittadino di origine filippina - A. J. Di 55 anni residente a Vienna in Austria - rinvenuto il 2 agosto scorso sulla spiaggia friulana da una donna, insanguinato alla testa e privo di sensi. Sul posto erano giunte anche la moglie e il figlio che avevano verificato come dal portafoglio del congiunto non mancavano ne’ il denaro, ne’ le carte di credito. La rapina quindi veniva subito esclusa. Il filippino era quindi stato ricoverato prima al pronto soccorso di Lignano, poi all’ospedale di Latisana e successivamente al nosocomio di Udine dove versa tutt’ora in gravissime condizioni per emorragia cerebrale e fratture multiple al cranio.

Le indagini avviate dalla Polizia hanno portato a scoprire da alcuni giovani che un “esibizionista di origine asiatica quella sera mostrava indecentemente le proprie grazie in spiaggia”. Da qui si giungeva ad un ragazzo che aveva dichiarato di aver allontanato il filippino gettandogli della sabbia sulla faccia con un piede. I successivi accertamenti hanno portato i poliziotti a sequestrare le scarpe indossate quella notte dal giovane che e’ tra l’altro un noto giocatore di rugby - S.C. di 23 anni - residente in Veneto. Dagli stringenti interrogativi e ulteriori particolari, riferiti anche dalla sua ragazza presente al fatto, e’ emerso che S.C. per allontanare l’esibizionista filippino lo aveva colpito con un fortissimo calcio alla testa.

Ora il giovane rugbista e’ indagato per lesioni personali gravissime volontarie. Le indagini sono state coordinate dal magistrato Mariagrazia Zaina del Tribunale di Udine. (AGI)

Cli