ATLETICA:PISTORIUS,PIU’REALISTICO CORRERE A LONDRA CHE PECHINO

(AGI/EFE) - Johannesburg, 19 mag. - Tre giorni dopo aver ottenuto il tanto sospirato via libera alla sua partecipazione agli imminenti Giochi Olimpici di Pechino 2008, Oscar Pistorius sembra almeno in parte averci ripensato: al rientro in patria, infatti, il 21enne atleta sudafricano ha ammesso con i gornalsiti accorsi ad accoglierlo che correre alla successiva edizione della manifestazione a cinque cerchi, Londra 2012, puo’ rivelarsi un obiettivo piu’ realistico che non essere al via in Cina ad agosto. Il quattrocentista disabile, che gareggia con protesi artificiali, ha comunque aggiunto che nelle prossime settimane intende misurarsi in alcune competizioni per tentare di strappare il minimo di qualificazione, 45″55 oppure 45″95, qualora nessuno riuscisse a realizzare il tempo principale; in ogni caso la Federazione del Sudafrica potrebbe pur sempre selezionarlo perche’ faccia parte della staffetta 4×400. Pistorius vanta un’oro sui 200 metri ai Giochi Paralimpici di Atene 2004, ed e’ pluri-primatista mondiale di categoria sulla stessa distanza, sui 100 e sui 400 piani. Venerdi’ scorso il Tribunale di Arbitrato Sportivo di Losanna ha accolto il suo ricorso contro la Iaaf, la Federazione Internazionale di Atletica Leggera, a giudizio della quale non avrebbe dovuto essere ammesso alla XXIX Olimpiade giacche’ le protesi, anziche’ menomarne le possibilita’, gli fornirebbero un eccessivo vantaggio nei confronti degli avversari. (AGI)

Pdo