DELL’UTRI: PG CASSAZIONE,ANNULLARE CONDANNA TENTATA ESTORSIONE

(AGI) - Roma, 10 apr. - La condanna a due anni per tentata estorsione inflitta dalla Corte d’Appello di Milano all’esponente di Forza Italia, Marcello Dell’Utri, deve essere annullata e rinviata ad un nuovo collegio della Corte milanese. E’ quanto ha chiesto il sostituto procuratore generale della Cassazione, Antonio Gialanella, nella sua requisitoria davanti ai giudici della Seconda Sezione Penale della Suprema Corte che, stasera, dovranno decidere se accogliere o meno il ricorso presentato da Dell’Utri contro la sentenza emessa dai giudici milanesi il 15 maggio dello scorso anno. Al centro della vicenda, la sponsorizzazione della ‘Pallacanestro Trapani’: il parlamentare di Fi, nei primi anni ‘90, avrebbe stanziato un miliardo e mezzo di lire per la sponsorizzazione della squadra ma poi avrebbe preteso indietro circa meta’ della somma. Dell’Utri si sarebbe avvalso della collaborazione del boss Vincenzo Virga, anche lui condannato in appello a due anni.

Per il pg Gialanella, in particolare, non sarebbero sufficienti le dichiarazioni accusatorie contro Dell’Utri di Vincenzo Garraffa, all’epoca dei fatti presidente della ‘Pallacanestro Trapani’. (AGI)

Oll/Stp